Settimana Mariana 2013

Madonna delle Pertiche - Treviso Bresciano

Dall’8 al 15 Settembre 2013 si svolgeranno a Treviso Bresciano le feste decennali della Madonna delle Pertiche.

L’evento avrà inizio alle Ore 10.00 di domenica 8 Settembre con la S.Messa di apertura presieduta dal Vescovo Mons. Luciano Monari.

Qui di seguito il programma completo della Settimana:

Domenica 8 Settembre:
Ore 10.00: S.Messa solenne di apertura delle feste decennali, al Santuario della Madonna delle pertiche, presieduta dal Vescovo di Brescia Mons. Luciano Monari.
Al termine della S.Messa siamo invitati presso i locali dell’oratorio, ove alle ore 12.00 si terrà il lancio dei palloncini, con il quale i bambini potranno far volare il loro messaggio di preghiera e ringraziamento a Maria.
Presso l’Oratorio, dalle Ore 11 alle ore 17, sarà allestito un servizio filatelico temporaneo, gestito da Poste Italiane, con uno speciale annullo filatelico realizzato per ricordare l’evento delle feste decennali.

Ore 18.00: Preghiera del Vespro presso il Santuario della Madonna delle pertiche.
Segue processione con la statua della Madonna, fino alla Chiesa di San Giovanni Battista.

Lunedì 9 Settembre:
Ore 9.00: Lodi del mattino in San Giovanni
Ore 15.00: S. Rosario in San Giovanni
Ore 20.00: S. Messa in San Giovanni

Martedì 10 Settembre:
Ore 9.00: Lodi del mattino in San Giovanni
Ore 15.00: S. Rosario in San Giovanni
Ore 20.00: S. Messa in San Giovanni
Segue processione con la statua della Madonna, fino alla Chiesa di S. Antonio, passando per Via Crociale, Via Sartur, Via Facchini, Via Clusure, Via T. Speri, Via G. Marconi e Via Roma.

Mercoledì 11 Settembre:
Ore 9.00: Lodi del mattino in S. Antonio
Ore 15.00: S. Rosario in S. Antonio
Ore 20.00: S. Messa in S. Antonio

Giovedì 12 Settembre:
Ore 9.00: Lodi del mattino in S. Antonio
Ore 15.00: S. Rosario in S. Antonio
Ore 20.00: S. Messa in S. Antonio.

Venerdì 13 Settembre:
Ore 9.00: Lodi del mattino in S. Antonio
Ore 15.00: S. Rosario in S. Antonio
Ore 20.00: S. Messa in S. Antonio
Segue processione con la statua della Madonna, fino alla Chiesa parrocchiale di San Martino, passando per Via Roma, Via Carde, Via San Martino e Via Facchetti.

Sabato 14 Settembre:
Ore 9.00: Lodi del mattino in San Martino
Ore 15.00: S. Rosario in San Martino
Ore 20.00: Canto dell’Akathistos in San Martino

Domenica 15 Settembre:
Ore 10.00: S.Messa in San Martino con il rito dell’unzione.
Ore 15.00: S. Rosario in San Martino
Ore 18.00: Preghiera del Vespro in San Martino
Segue processione con la statua della Madonna, passando per Via Facchetti, Via Roma, Via T. Speri fino alla Piazza di Vico, ove si terrà la S.Messa di chiusura.
Ore 19.30: S.Messa solenne di chiusura. Segue fiaccolata fino al Santuario.

Per altre informazioni e per scaricare i pieghevoli con il programma completo clicca qui.

Annunci

Pubblicata l’edizione Natalizia del giornalino

E’ stata pubblicata la nuova edizione del giornalino parrocchiale. I trevigiani riceveranno direttamente presso la loro abitazione la propria copia, così come i compaesani  ”all’estero” la riceveranno tramite posta nei prossimi giorni. Per chi volesse un’anteprima la può scaricare direttamente  CLIKKANDO QUI. Buona lettura.

Forza RaGazZi!!!

SPORT – Campionato Provinciale CSI Juniores

FORZA RAGAZZI !

4 vittorie, 4 sconfitte, 2 pareggi,  una tonnellata di incitamenti dai tifosi (forti quelli della Nord),

la filosofia del Pozzi, il mare del “Rimini”,  le urla del presidente,l’addetta all’arbitro più carina del CSI,  Giacomino il capitano invalicabile,  gli infortuni del Raffi, le pizze del Simon,  i miglioramenti del Luca, gli interventi millimetrici del Mirco,  l’allenatore dei tre portieri,  quel rompiscatole di Cooper che si è inventato anche un test , l’attaccante che fa il difensore (eh! Badini),  il portiere che fa l’attaccante (vai Tibo!),  il Lino che si è comprato 10000 cappelli,  la dura disciplina dei due degli Artigianelli (Motti e Franci),  il Miky che per avere più scossa nelle gambe ogni mattina va a scuola di elettricista, Zac che da Tangeri e Barcellona ha portato quintali di fantasia,  e da Lavenone il nostro asso nella manica (Bonni per gli amici).

Questi e altri ancora gli ingredienti del nostro calcio. Però il lievito di tutto è la gioia che ci fa stare insieme.

Vogliamo cogliere nella gratuità del gesto sportivo la fonte del nostro stare insieme per:

1. educarci all’agonismo per imparare come si debba competere e vincere o perdere nel pieno rispetto delle regole, nell’esaltare le capacità di autocontrollo, nel rispetto del concorrente, nella disponibilità alla collaborazione nel gioco di squadra (meglio 30 passaggi sbagliati che 10 dribling fatti bene), nel vivere la competizione come gara leale, il cui confronto stimola traguardi esaltanti.

2. educarci alla sconfitta per imparare a perdere senza considerarci perdenti , per analizzare le cause dell’insuccesso senza cercare di perseguire un nostro amico facendolo diventare un  capro espiatorio (siete stati grandi, questo non l’avete mai fatto), ma accogliendo serenamente i nostri limiti e difetti, segni concreti della nostra precarietà  che ci accompagneranno nella nostra vita.

3. educarci alla vittoria. Perchè, al di là dell’euforia del momento (un urlo di vittoria va più che bene), la vittoria non generi una esaltazione illusoria individuale o collettiva. Imparare  a respingere  la tentazione di considerare male la squadra avversaria (da ogni avversario dobbiamo imparare qualcosa). Sapere che non c’è vittoria senza atteggiamenti di dedizione e di sacrificio (di corsa su e giù dalle vie del paese senza cercare scorciatoie….) .

Da una partita di calcio dobbiamo imparare che è bello giocare, che la sfida non sta nel cercare la vittoria, ma nel saper vivere con nobiltà e dignità ogni momento della vita, sia che questo momento porti alla vittoria o alla sconfitta.

BUON NATALE A TUTTI.

Il mister.

Festa degli Anziani 2009

Molveno Second Time!

Reduci dall’esperienza positiva dell’anno scorso, anche quest’estate abbiamo trascorso una bellissima settimana tra le incantevoli montagne di Molveno. Siamo partiti con le valigie cariche d’entusiasmo e tanta voglia di divertirci, nonostante il brutto tempo, che ci ha accompagnato quasi tutta la settimana, e siamo tornati con tante storie da raccontare.

Ovviamente ci hanno accompagnato in quest’esperienza di crescita l’immancabile Don Fabrizio, le eccellenti cuoche, e Dolly, Federica, Luchino, Matteo, Nico e Rosi nel ruolo di animatori; a tutti il nostro Grazie, perché se un domani ricorderemo con nostalgia questo viaggio sarà soprattutto merito vostro, che avete saputo gestire una vivacissima banda di irrequieti adolescenti.

Tra passeggiate, giochi e riflessioni il tempo è volato, il buon umore ha trionfato e si sono create tante occasioni per conoscere meglio i ragazzi di Lavenone e i vari “infiltrati”!

Durante tutto il campo ci siamo messi in gioco, confrontandoci ma anche imparando che non esiste un unico punto di vista ma ne esistono molti e non per forza tutti giusti o tutti sbagliati, inoltre abbiamo testato le nostre capacità di animare una serata, poiché Don e animatori ci hanno concesso un’intera sera, nella quale le varie squadre si sono esibite in musical, giochi, scherzi e scenette…il tutto condito da risate ed ilarità generale, insomma non capita tutti i giorni di vedere mister Luchino nel ruolo di Peter Pan o il Nico vestito da suora!!!

E se pioggia e freddo hanno provato a guastare l’atmosfera gioiosa di tutta la settimana, noi, approfittando di rare tregue, siamo comunque riusciti a fare qualche scampagnata e sicuramente non dimenticheremo la camminata che da oltre 2000 m (ci siamo arrivati con la seggiovia) ci ha portato a Molveno City, dopo non so quante ore di discesa; tuttavia lo rifarei solo per ammirare il paesaggio che, da lassù, si estendeva ai nostri piedi: le dolomiti del Brenta, il lago di Garda e Trento. Tra arrivi e partenze dei vari ospiti, mercoledì è partita anche Rosi, lasciando la sua squadra nelle mani del neo-animatore Luchino, il cui compito, secondo noi, era quello di svegliarci ogni mattina con l’ausilio di un campanaccio fin troppo rumoroso!!! Scherzi a parte, Don dove si va l’anno prossimo? Noi abbiamo già i bagagli pronti!!!

🙂 M.

-GresT-

Grest = Gruppo Ricreativo Estivo, cioè 3 settimane (dal 22 giugno al 10 luglio) di giochi, bans (balli), passeggiate, nuotate, risate e divertimento per i bambini e i ragazzi delle elementari e delle medie di Treviso e Lavenone (una combinazione vincente! …visto che anche l’anno scorso abbiamo ottenuto tanta partecipazione e un’ ottima collaborazione!).

Maggio: come l’anno scorso, noi ragazzi del gruppo adolescenti di Treviso e Lavenone ci incontriamo e decidiamo di affrontare l’organizzazione del Grest. All’inizio è sempre dura: bisogna analizzare il tema dell’anno (Nasinsù), preparare una scenografia adatta, imparare l’inno (Conta le stelle) e tutti gli altri bans, fare l’inventario del materiale necessario, farsi venire qualche idea brillante per l’accoglienza e selezionare giochi coinvolgenti e divertenti (e sicuri!).

Poi facciamo l’elenco delle caratteristiche fondamentali di un buon animatore e ci impegniamo a metterle tutte in pratica quando arriverà il momento. Per due o tre sere la settimana ci riuniamo in oratorio e ci mettiamo all’opera: cartelloni, pennarelli e pennelli, libri per giochi e lavoretti, colle, scotch, computer, casse acustiche…insomma tutto il necessario per un Grest perfetto 😉

Giugno: mancano pochi giorni e  dobbiamo ancora fare tantissime cose! –> Full immertion l’ultima settimana: pomeriggio e, se occorre, anche la mattina!

Arriva il giorno fatale: chissà se ai bambini piacerà la scenografia, l’inno, i giochi che abbiamo preparato per loro, le squadre e… noi animatori!

Giugno  e  Luglio … si inizia !  Sono le 14,  adesso  è  tutto pronto. I bambini di Lavenone sono i primi ad arrivare con la corriera, la stanza dell’oratorio, con le sedie messe in cerchio e tante stelline appese al soffitto è per ora semivuota…ma non per molto! Ecco che arrivano anche i bambini di Treviso e la compagnia è finalmente al completo: bambini, animatori e Don!

Siamo in 24 animatori e circa 60 bambini tra Lavenone e Treviso, più la nostra guida spirituale e pratica: Don Fabrizio! Senza il suo supporto e i suoi consigli il Grest non sarebbe stato lo stesso! 🙂

Cominciamo con l’inno e poi dividiamo i bambini in quattro squadre ciascuna con il nome di una costellazione, perché il tema è quello dei “nasi all’insù” cioè osservazione di tutto ciò che si vede nel cielo, comprese le stelle: i blu (costellazione della Fenice), i rossi (costellazione dell’Aquila), i gialli (costellazione del Leone), i verdi (costellazione del Drago). Ogni squadra crea il suo stendardo con il simbolo della costellazione che porteremo con sé durante le passeggiate. Tra le passeggiate fatte ricordiamo il forte di Valledrane, il Dos del Las, poi l’uscita al campo per il “giocone”, cioè la ginkana, mentre l’altro “giocone” è la caccia al tesoro fotografica. Il gioco preferito è comunque “palla bollata” a cui giochiamo tutti i giorni…ormai siamo degli esperti! Alle 4 c’è la merenda 😛 e, dopo essersi riempiti lo stomaco, ci raccogliamo nella saletta multimediale per la preghiera.

Due volte a settimana facciamo i lavoretti e il lunedì… piscina alle Vele (si può! …a buon intenditor poche parole!).

A fine giornata noi animatori siamo distrutti, ma soddisfatti del lavoro fatto e dei bei momenti che i bambini ci hanno regalato: infatti non siamo solo noi gli “animatori”… i veri protagonisti sono i bambini e sono loro, spesso, a farci divertire! 🙂 Per concludere queste tre settimane, organizziamo un piccolo spettacolo perché anche i genitori e i parenti possano vedere cosa abbiamo fatto in tutto questo tempo: proiettiamo le foto, ma soprattutto ci scateniamo con i bans (facciamo bans bans! …come al solito… chi ha orecchie per intendere, intenda!).

Finito lo spettacolo facciamo un piccolo rinfresco e quando sono tutti andati a casa ripuliamo tutto: togliamo le stelline (sigh sigh) e le nuvolette dal soffitto, mettiamo a posto le sedie, togliamo i cartelloni, smontiamo l’impianto acustico e facciamo la raccolta differenziata di tutti i rifiuti della serata 😉

Eh sì… è già finita! 😦

I bambini sono sembrati tutti soddisfatti e contenti e speriamo che anche l’anno prossimo potremo ritrovarci per vivere quest’esperienza di condivisione, allegria e  amicizia!

Gli animatori


Campo Estivo 2009

molveno_7_0x300Vista la precedente buona riuscita dell’esperienza, le Parrocchie di Lavenone e di Treviso Bresciano organizzano anche per quest’anno:

Campo Estivo per Adolescenti

2-9 Agosto 2009
Casa S.Luigi Gonzaga – Molveno

Inizio: Domenica 2 Agosto prima di pranzo.
Fine: Domenica 9 Agosto dopo pranzo.

Come andare e tornare? Trasporto con pullman sia all’andata che al ritorno al costo di Euro 20,00.

Quota di partecipazione € 205,00

comprendente vitto, alloggio in camere con bagno e doccia, équipe  di animazione e rianimazione, cuoche di prima qualità, vista sul lago con possibilità di toccarlo scendendo, campo pallavolo, prato, giornate di sole, allegria, detersivi per pulire i bagni, materiale vario e tanto altro ancora. Da versare entro Giovedìì 23.

Cosa Portare?
Lenzuola e/o sacco a pelo, federa, indumenti leggeri e pesanti (siamo a circa 1.300 m slm), torcia elettrica, impermeabile, scarponcini, zaino.

Note
La casa è bella. Non solo esteticamente ma soprattutto in senso funzionale. Gli spazi interni ed esterni sono ampi e sono importanti per la vita di gruppo. Ogni camera è fornita di doccia e la cucina è ampia e attrezzata. La quota di iscrizione non comprende tutte le spese, ma ne vale sicuramente la pena.

Una piccola anticipazione su 

www.casasanluigi.it

Quindi…Vi aspettiamo!!!